Verbali LCCI

Verbali Lizard Club Italiano

 

Articoli Soci

 

Archivio Articoli

 

Origini img

 

Articoli Estero

articoli estero

 

Spilla LCCI

 

 

 

 

 

Standard di Giudizio

L'evoluzione delle Scale Punti

Su gentile concessione di Mr. Huw Evans (Titolo originale: "The curious case of the Lizard's Scale"  consultabile al link:  http://finespangledsort.com/the-curious-case-of-the-lizards-scales )

Introduzione: Iniziamo con grande piacere questa collaborazione con il blog di Mr. Evans assolutamente entusiasti per l'eccezionale valore del materiale in esso contenuto. E' parere unanime del direttivo del nostro club che, nell'ambito della corretta informazione circa la razza Lizard, ora più che mai siano necessari saldi punti di riferimento ed uno sforzo congiunto e coordinato di tutti i veri appassionati!

Webmaster e Traduzione: Antonio Petraroli

Inizio articolo:

Non le scale punti di un lizard, ma del Lizard.

La Scala Punti per il Lizard (per dargli il suo nome ufficiale) è stata in ballo per ben più anni rispetto a qualsiasi persona vivente che li ha allevati. Si è così ben stabilita, che mai è stata messa in discussione e la si è assunta così come era, ma sorprendentemente non si sa chi l'ha scritta, quando, o perché assume la forma che ha.

Si può pensare che la risposta sia ovvia: sicuramente la LCA l’ha 'scritta' ed in seguito è stata adottata dal COM come standard in tutto il mondo. Per tutti gli scopi pratici ci potremmo accontentare di questa tesi, che sicuramente è abbastanza vicina alla verità, ma ciò non vuol dire che sappiamo “chi, quando e perché”. Sono appunto le domande a cui cercherò di dar risposta qui:

Il più vecchio standard di esposizione noto è stato pubblicato da R. L. Wallace in “The Canary Book”(edizione, 1875). Wallace lo definisce semplicemente 'standard', ma se ci fosse un accordo generale sulla questione non è chiaro. Io non ho dubbi in merito.

Standard Lizard R. L. Wallace 1875

Si noti che la scala punti assegna il medesimo valore sia alla calotta che alle scaglie, ed il colore di fondo è subito sotto. I Rowings non sono menzionati. L'importanza della calotta riflette il fatto che solo le “nette” erano ammesse alle mostre. Presumo che il numero degli ingabbi dovesse essere piuttosto basso.

Pochi anni dopo, Blakston offrì la sua versione della scala punti in “Canaries and Cage Birds” (tra 1878-1881). Almeno Blakston chiarisce che è basato sulla sua propria valutazione della scala punti del canarino Lizard. Eccola qui:

Scala Punti Lizard Blakston

Le scaglie hanno la precedenza con 30 punti più altri 5 per quelle sul collo, questo è un argomento di cui raramente si sente parlare oggi. Ci sono vari adattamenti di punteggio per altre caratteristiche, ma ancora nulla per quanto concerne i rowings. A suo merito, Blakston ha sostenuto l’allargamento delle categorie per le calotte imperfette (“senza calotta” incluse) sulla base del fatto che "la perfezione assoluta nella calotta d’un lizard è così estremamente rara che insistere esclusivamente a ricercarla senza ammettere la minima eccezione è, in pratica, chiedere ciò che non esiste".
Si è dovuto attendere la formazione del “Lancashire and Lizard Canary Fanciers” ,intorno al 1900, per avere una associazione nazionale che si occupasse della razza. In pratica, la L&LCFA era un organizzazione locale, che in quel periodo mostrava poco interesse nel promuovere il canarino Lizard oltre i confini delle contee Lancashire e Cheshire. La sua scala punti fu pubblicata in “Claude St. John’s Our Canaries” (1911). Ed era ancora in vigore nel 1938 quando William Scott si è iscritto all’associazione dal lontano Northumberland. Eccola qui:

Scala Punti Lancashire and Lizard Canary Fanciers

Questa scala è notevole per due motivi: in primo luogo riporta finalmente i rowings, anche se solo con 5 punti; in secondo luogo, sappiamo chi l'ha scritta. C.A. House nel suo “Canaries” (1928) ci dice che "qualche anno fa, quando la Lancashire and Lizard Canary Fanciers’ Association ha elaborato lo standard, mi ha fatto l’onore di chiedermi di presentarne un progetto, che poi è stato accettato".

Questi erano gli ultimi anni della L&LCFA. E’ diventata moribonda durante la seconda guerra mondiale e non ha mai ripreso le sue attività. Non sono a conoscenza di alcun annuncio della sua “scomparsa”, ma la gente doveva essere consapevole del vuoto, perché la Lizard Canary Association è stata costituita il 15 maggio 1945, solo sette giorni dopo la fine ufficiale della guerra in Europa. William Scott si è iscritto nel maggio dello stesso anno. Con il senno di poi, si può definire la formazione del LCA o molto presuntuosa o incredibilmente intraprendente.

Nel verbale della riunione inaugurale, la LCA ha confermato che era – riporto le parole esatte - "d'accordo che l'attuale standard dovesse essere lasciato esattamente così com'era. Non c'era alcuna istanza di revisione". Questo non può che riferirsi allo standard della L&LCFA, che sappiamo essere ancora in vigore prima dello scoppio della guerra. Eppure la scala punti LCA si differenzia in molti aspetti, come si può ben notare: i rowings sono stati elevati a 10 punti; il colore di fondo ridotto di 5 punti; 15 punti introdotti per la qualità del piumaggio; ed i punti per le dimensioni sono omessi del tutto. E 'stato probabilmente la più grande revisione dello standard nella storia della razza. Ancora più sorprendentemente, non vi è alcuna traccia di chi ha scritto il nuovo standard; quando sono state introdotte le modifiche; o perché questi cambiamenti sono stati ritenuti necessari.

Scale Punti LCA

La copia più antica della Scala Punti per il Lizard della LCA che io conosca è del marzo 1955. E' esattamente la stessa che è oggi in vigore. Questa versione è stata stampata quasi dieci anni dopo che la LCA si è costituita. Si pone ora la domanda: in contrasto con le intenzioni della riunione inaugurale, la LCA decise quindi che lo standard L&LCFA non fosse più adatto allo scopo e che abbisognava di una revisione completa?

Davvero pochi documenti del primo decennio del LCA sono sopravvissuti fino a noi. La LCA non ha pubblicato un manuale fino a marzo 1954, ma un indizio è dato nella terza edizione del manuale, marzo 1955. Terry Dodwell, lo scrittore, scrisse un articolo intitolato “Modifica dei Valori”, che descriveva l'evoluzione dello Standard (non c'è niente di nuovo sotto il sole - questo articolo è semplicemente una variazione sullo stesso tema). L'articolo includeva lo "Standard attuale del Lizard Canary Association (1945)" - quello che è ancora oggi in vigore. Ciò potrebbe suggerire che la scala punti fosse anche stata formulata nel 1945, ma la data è cancellata. Poiché c’è un'annotazione a mano di John Scott sulla stessa pagina, noi possiamo così essere sicuri che la data è stata cancellata da John stesso. Questo può solo significare che lui sapeva che l'anno era sbagliato. Purtroppo egli non ha annotato quella corretta.

Se non possiamo stabilire 'quando', forse possiamo identificare 'chi'? C'erano solo quattro persone presenti alla riunione inaugurale del LCA: i signori Lewis, Oakley, Perry e Yates. Nessuno, che io sappia, era un affermato allevatore di Lizard. Degli ufficialmente citati nel manuale del 1954, i nomi di AW Smith, W.P. Barnes, A.E. Lennie e A. Barras avevano associazioni molto lunghe con il canarino Lizard, mentre John Scott e Fred Snelling erano buoni scrittori certo, ma relativamente nuovi. Ci possono essere stati diversi collaboratori, ma non vi è alcuna traccia di chi fossero.

Perché sentivano che una revisione significativa fosse necessaria? Terry Dodwell ci dà un indizio nelle sue osservazioni nel suo articolo “Modifica dei Valori” quando scrive '' Il nostro standard attuale riconosce l'importanza di un miglioramento nel Lizard eliminando completamente tutti i punti per le Dimensioni e dandone un gran numero per la Qualità del Piuumaggio”. Forse la qualità del piumaggio si era deteriorata durante gli anni della guerra, o forse gli allevatori si erano troppo concentrati sulla dimensione a scapito di altre caratteristiche, ma questo sembra improbabile perché lo stesso Terry critica il vincitore al Crystal Palace, illustrato nel libro di Wallace “The Canary Book”, sulla base del fatto che “Sarebbe considerato di tipo molto scadente, ‘serpentiforme’ circa la testa e il collo, in tutto assomigliante ad un canarino Harz (cioè stretto e lungo) nell'aspetto generale. . Inoltre, la caratteristica più impressionante (o meglio la sua mancanza) è la quasi totale assenza di petto e marcature”.

Da questo possiamo dedurre che un nuovo standard era necessario perché lo standard della L&LCFA non rappresentava più ciò che gli allevatori consideravo essere il Lizard ideale. Nel 1945 era di primaria importanza la sopravvivenza della razza, ma, appena il numero di uccelli e degli allevatori crebbe, ci si poté concentrare sul miglioramento della razza. Il vecchio standard non era adatto a tale scopo.

Gli autori (chiunque fossero) della Scala Punti per i Canarini Lizard della LCA hanno fatto un buon lavoro. E 'universalmente adottata e ha superato la prova del tempo. Rimane inalterata sin dal suo concepimento e, a mio parere, è di gran lunga la migliore sintesi dello Standard per il canarino Lizard mai scritta.

LCA points scale FI

FooterLCCI1000x130.png

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.


La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.


E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da Open Source Solutions.