Pubblichiamo la seconda parte dell'articolo in merito ad i cambiamenti apportati allo Standard del Lizard, subito dopo aver avuto conferma di quanto realmente accaduto in seno alla riunione di settembre a Cervia. In attesa d'ulteriori comunicazioni ufficiali pubblichiamo la traduzione dell'articolo di Mr. Huw Evans dal suo blog  http://finespangledsort.com/birds-eye-view-scales-of-the-lizard-part-2/

(traduzione di Antonio Petraroli)

COM/OMJ MODIFICA LA SCALA PUNTI DEL LIZARD

- PARTE SECONDA -

 

La sezione E della classificazione OMJ delle mostre è dedicata ai canarini di "forma e posizione", meglio conosciuto in Gran Bretagna come canarini di 'Tipo'. Una caratteristica comune delle razze della sezione E è che esse tendono ad avere nomi regionali: Yorkshire, Norwich, Irish Fancy, Rheinlander, North Dutch Frill, Raza Espagnol, e il Arlequim Português ( Arlecchino Portoghese). L'elenco potrebbe continuare. Ci sono solo due eccezioni a questa usanza: il Crest e (si sapeva che stava arrivando). . . il canarino Lizard.

Ecco perché lo standard COM ufficiale per i canarini di forma e posizione (1), riconosce l'importanza dell'origine di una razza. L’intoduzione della Sezione E ha questo preambolo:

Section E preamble

 

Sono le prime due frasi che sono rilevanti per il recente voto sulla Scala dei Punti per il canarino Lizard (descritto nella parte 1). Tradotte (2) esse dicono:

    - Questo standard è stato sviluppato sulla base delle descrizioni fornite dai paesi di origine delle razze.
    - Solo i paesi di origine hanno il potere di sviluppare le loro razze.

L'intento è chiaro: i tedeschi hanno l'ultima parola sul Rhinelander, gli irlandesi sull’ Irish Fancy, il portoghesi sull’Arlecchino e, oserei sperare, gli inglesi sul canarino Lizard. Si tratta di una regola sensata. Queste razze sono una questione di orgoglio nazionale. Gli allevatori di quelle nazioni ne sanno di più su di loro di chiunque altro ed hanno tutto il diritto di sentirsi protettivi verso di loro. Fatta eccezione, a quanto pare, per il canarino Lizard.

La COM riconosce la Gran Bretagna come il paese di origine del canarino Lizard. In teoria, la Scala Punti dei Lizard non può essere modificata senza il consenso di COM-UK (e attraverso la consultazione, la LCA), ma sembra che la COM non debba necessariamente attenersi alle sue stesse regole.

Torniamo alla riunione OMJ nel settembre 2016. L'ordine del giorno viene 'concordato' il giorno stesso della riunione perché non era stato distribuito prima; una mancanza sorprendente ed inaccettabile di comunicazione. I delegati erano in viaggio da tutte le parti d'Europa senza sapere quello che stavano andando a discutere. Fondamentalmente, per quanto riguarda la Scala Punti del Lizard, la COM-UK e le altre federazioni nazionali non avevano avuto alcuna possibilità di consultarsi con gli allevatori e con i club specialistici, o di preparare il dibattito. Verosimilmente solo una delegazione sapeva della proposta e dei suoi dettagli in anticipo: la COM-Portogallo, che l’aveva presentata. Loro sono venuti in forza.

C'era anche un bel problema di comunicazione nel corso della riunione stessa: nove lingue diverse sono state pronunciate dai delegati. Senza preavviso dell'ordine del giorno, le persone stavano lottando per interpretare ciò che veniva proposto. Quante persone avranno veramente capito le vere implicazioni della proposta portoghese?
Si potrebbe supporre che il preambolo dello Standard dei Canarini di Forma e Posizione dà alla nazione di origine la parola finale: un veto. Pensa un po'! I verbali della riunione ci dicono che "Il presidentedella COM Carlos Ramôa ha fatto osservare che il veto che un paese ha in merito a questioni relative ad una propria razza, può essere cancellato con la decisione unanime della riunione degli esperti" (3). In parole povere, ha affermato che il veto del paese di origine può essere ignorato.

Ho letto la costituzione OMJ (4) e non ho trovato nessuna regola ufficiale per sostenere la dichiarazione di Mr. Ramôa. Il veto britannico avrebbe dovuto prevalere. In qualità di Presidente del COM, il suo ruolo è quello di rappresentare tutti i paesi membri e sostenere la sua costituzione. Avrebbe dovuto rimanere imparziale, eppure sembra essere intervenuto in favore del suo paese (lui è portoghese), citando un 'regola' non ufficiale per ribaltare uno dei principi fondamentali della OMJ (5).


Non ho mai incontrato il signor Ramôa, ma so di persone che lo tengono in grande considerazione. Il suo intervento sembra fuori dal personaggio, ma ha avuto l'effetto desiderato: la proposta è stata approvata (6).

Confrontiamo tale decisione alle altre prese nel corso della riunione. Il Lizard non era l'unica varietà in cui sono state proposte modifiche alla standard (7). In tutti gli altri casi la decisione è stata rinviata per due anni a meno che non è stata subito approvata dalla nazione madre. Perché ciò non è potuto accadere con la proposta di modifica della Scala Punti del Lizard? Perché il canarino Lizard è stato trattato in modo diverso? Perché davvero.



In sintesi, il procedimento è stato fondamentalmente viziato:

1) La mancanza di un ordine del giorno emesso in tempo utile ha negato alle federazioni nazionali la possibilità di consultarsi e preparare per la riunione.
2)  C'e’ stata incoerenza nel trattamento delle controversie nel corso della riunione: solo la Scala Punti del Lizard è stata forzata ad una decisione sì/no; tutte le altre proposte controverse sono state giustamente differite.
3)  L'intervento del Presidente si è basato su una falsa premessa.

4) I diritti della nazione madre sono stati incorrettamente annullati.


Spero che lo OMJ riconoscerà queste lacune, sospenda la decisione, e ripristini il processo di consultazione.

 

Note:

1) Standard dei Canarini di Forma e Posizione, che è disponibile sul sito web della COM. Potete scaricarlo qui: http://www.conforni.org/telechargements/standard

2) Questa è la mia traduzione, non una traduzione ufficiale comunicata dalla COM.
3) Ho citato testualmente la dichiarazione così come dalla traduzione pubblicata nel verbale.

4) È possibile trovare la costituzione OMJ qui: http://ornitologia.difossombrone.it/articoli/regolamento_OMJ.pdf
5) Spero di sbagliarmi; se qualcuno può fornirmi la prova del contrario, sarei contento di pubblicarla.
6) Simon Tammam, il delegato COM UK, ha votato contro la proposta, ma (nota del traduttore: nonostante fosse il voto della “nazione madre”, originaria della razza e detentrice dello Standard, non se n’è tenuto conto.
7) D’interesse per i lettori della nazione originaria della razza, la Turchia ha presentato alterazioni allo Standard dello Yorkshire; il Brasile voleva che fossero riconosciuti i canarini Lancashire variegati. Perfino il Brasile aveva proposto una modifica allo standard dell’Arlecchino Portoghese. Tutte queste proposte sono state rinviate a due anni per consentire ulteriori valutazioni.

FooterLCCI1000x130.png

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.


La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.


E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da Open Source Solutions.