Allevamento e Accoppiamento del Canarino Lizard

Allevamento del Lizard
I principi generali dell’allevamento del Lizard sono identici a quelli degli altri canarini.
E’ necessaria la conoscenza delle principali nozioni di genetica perché non è sempre valida l’affermazione che “simile produce simile”; anche i così detti soggetti da stock, se appartenenti a buon ceppo, possono dar vita a ottimi esemplari da mostra.
Nell’allevamento occorre sempre procedere a rigorose selezioni che riguardano soprattutto la salute ed il vigore dei canarini, poi la bellezza.
Una buona regola è non essere mai troppo soddisfatti dei propri esemplari ed è preferibile allevare poche coppie buone che molte mediocri.
E’ importante  non accoppiare due soggetti con lo stesso difetto, ma due soggetti entrambi con ottime caratteristiche. Se ciò non è possibile, è utile ricorrere alla tecnica della compensazione.
 
Accoppiamenti
L’accoppiamento base corretto è dorato x argento (intenso x brinato) : si otterranno, teoricamente, il 50% di intensi ed il 50% di brinati.
Qualche novizio può avere particolare attrazione per i dorati o per gli argento e quindi allestire coppie di dorati e coppie di argento. Nulla di più sbagliato, perché il doppio fattore intenso o brinato altro non causa che difetti poi difficilmente eliminabili.
Il fattore doppio brinato impoverisce la qualità del piumaggio e il colore di fondo, mentre il doppio intenso causa impoverimento di piumaggio ed eccessivo rimpicciolimento della taglia (Lizard a “sigaretta”).
Quindi l’accoppiamento corretto è solo dorato x argento sia esso maschio o femmina.
 
Difetti da evitare
Il difetto più grave per un Lizard è il “bald-face”, ovvero la presenza di una calotta che scende sotto l’occhio. Anche le penne chiare di ali e coda sono un difetto difficile da estirpare : tali soggetti non devono mai essere usati come riproduttori
 
Meno problematico è il Lizard “over-capped”, la cui calotta scende oltre la nuca : infatti, tale difetto, con appropriati accoppiamenti con un senza calotta o quasi, può non comparire nei novelli e nelle future generazioni.

 
Selezione positiva
Abbiamo visto in dettaglio i principali difetti, ma ora esaminiamo come ben operare per avere i risultati migliori dal nostro allevamento. Il soggetto ideale deve avere un buon colore di fondo, carico e brillante, privo di chiazze lipocromiche, di depigmentazioni e “fumosità”, piumaggio fine e setoso, penne, becco e zampe il più nere possibili.
Importante per gli accoppiamenti è la scelta del tipo di calotta : calotta netta x calotta netta può dare qualche buon soggetto, ma anche dei super calotta e dei “bald-face”; quindi è da preferire l’accoppiamento calotta netta x calotta spezzata o x senza calotta.
 
Ecco una tabella guida che illustra i risultati degli accoppiamenti in base alle calotte:
1. Calotta netta x calotta netta: predominanza di calotte nette e alcuna super calotta  o “bald-face”
2. Calotta spezzata x calotta spezzata: calotte spezzate, qualche calotta netta e senza calotta.
3. Senza calotta x senza calotta: senza calotta o quasi senza
4. Calotta netta x calotta spezzata: calotte nette, quasi nette e spezzate
5. Calotta spezzata x senza calotta: calotte spezzate e senza calotta o quasi senza.
6. Calotta netta x senza calotta: calotte quasi nette, spezzate e senza calotta.
Quanto sopra indicato è solo un dato statistico, non una regola, poiché la genetica della calotta è ancora un mistero.
 
Allevamento
Il Lizard non è un canarino difficile da allevare. La femmina è una eccellente madre ed il maschio è sia un buon riproduttore per molte femmine, sia, se lasciato in gabbia, un buon imbeccatore.
Quindi non vi è alcun problema particolare nella riproduzione.
Unica attenzione importante va riservata al fenomeno della deplumazione dei novelli perché, contrariamente alle altre razze, penne e piume ricrescono con irrimediabili aloni o schiarite bianche. Tali soggetti non sono più presentabili alle mostre.
 
Svezzamento
Il Lizard novello è un canarino precoce, facile allo svezzamento; occorre però non cambiare bruscamente la sua dieta da nido e disporre diverse mangiatoie in vari punti della gabbia, per evitare liti qualora vi siano più soggetti.
 
Management successivo
Il Lizard è piuttosto predisposto alla pica; pertanto è consigliabile separare i novelli,  possibilmente uno per gabbia, perché conservino le caratteristiche espositive.
Il Lizard novello va preso in mano il meno possibile per non sciupare il piumaggio e va addestrato alla gabbia da mostra. Un Lizard tranquillo davanti al giudice ottiene perlomeno 2/3 punti in più .
Per abituare il canarino ad essere giudicato quando è nella gabbia da mostra, è utile sollevarlo delicatamente, senza scossoni, avvicinando la gabbia al viso; ripetere poi l’operazione sino a che non si noteranno più sintomi di spavento o agitazione.
Un Lizard tranquillo presenta un piumaggio più composto che meglio evidenzia la scagliatura.
 
Sessaggio
Il giovane Lizard può essere facilmente sessato all’età di 8 settimane. Il maschio è un gran cantore; non ha un canto forte o squillante, ma più che sufficiente per essere distinto in modo inequivocabile.
Il dimorfismo sessuale è poi caratterizzato da una maggior espressione delle rowings nelle femmine.
Il colore di fondo, invece, non è sempre ben valutabile nei novelli prima della muta. Tuttavia i maschi già tendono a possedere un colore di fondo più carico.
 
Età della muta
Prima della muta il Lizard è ben poca cosa, “un passero” come dicono alcuni, ma dopo 4/5 mesi è un’opera d’arte.
La muta inizia dopo 8 settimane dalla nascita e si sviluppa bene e velocemente di modo che i novelli sono pronti per le mostre ad inizio ottobre.
 
Muta
Durante il periodo della muta, il giovane Lizard assume tutta la magnificenza del suo piumaggio. Il breve miracolo trasforma un piccolo insignificante uccello nel canarino più attraente al mondo.
In tale periodo i Lizard devono essere lasciati tranquilli o disturbati il meno possibile (pulizie ecc.). La dieta dovrà essere particolarmente nutriente e ricca di proteine e lipidi per lo stress legato al cambiamento della livrea e per garantire un piumaggio lucido e carico di colore.
Il bagno va fornito giornalmente, evitando le correnti d’aria.

 
Colorazione artificiale
In Inghilterra i Lizard da esposizione devono essere tassativamente colorati in rosso. Il cibo colorato incupisce e intensifica il colore di fondo del canarino, il dorato appare con un ricco castano e calotta arancio profondo, l’argento ha un caldo bruno soffuso d’argento e calotta arancio.
Secondo gli Inglesi, lo scopo della colorazione artificiale è quello di favorire il più possibile un colore profondo e ricco, ma bisogna premettere che deve già sussistere un ottimo colore naturale di fondo: mai ci guadagnerà un soggetto dal colore smorto e opaco. In Italia e nell’Europa Continentale il Lizard non è colorato, perché si ritiene che il colore di fondo naturale esprima il massimo della bellezza della razza, consentendo un miglior risalto del disegno. Nelle mostre F.O.I. si fa divieto assoluto di esporre il Lizard colorato in rosso.

FooterLCCI1000x130.png

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.


La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.


E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da Open Source Solutions.