Origini del Canarino Lizard

Breve storia
dalle origini ai giorni nostri

Tra le varietà di canarini esistenti, il Lizard occupa una posizione unica. Tutte la altre razze sono relativamente recenti, la maggior parte a memoria d'uomo: solo il lizard sembra sia stato allevato senza aver subito alcun cambiamento nelle caratteristiche da secoli, così addietro che le sue origini sono sconosciute. Negli antichi testi di storia naturale non si rilevano riferimenti ad alcuna particolare vrietà di canarino. Poi Gesner, nella sua "Historia Animalium" (1555), descrive la specie selvatica degli uccelli e indica chiaramente che i canarini furono importati nel Continente e in Inghilterra.
Circa un secolo dopo, nel testo "Husbandry" (1675) Joseph Blagrowe dice: «innanzi tutto comincerò con l'uccello chiamato canarino perchè proveniente dalle Canarie (penso sia il miglior uccello cantore),ora allevato intensamente in Germania ed anche in Italia».
È interessante notare che a quei tempi i canarini erano allevati in cattività, ma senza alcuna menzione alle varietà. Infatti Blagrowe scrive che molti agricoltori non distinguevano un canarino dai comuni uccelli verdi e ciò sta ad indicare che in Inghilterra i canarini furono allevati come una specie selvatica verde.
Nell'Europa Continentale le prime descrizioni delle varietà ci sono pervenute dalla Francia.
Hervieux, nel "Traitè des serins de Canaries" (1713), indica 29 varietà, la maggior parte varianti di colore che apparvero nel corso dell'allevamento in cattività. in ogni caso, tra le varietà indicate, ve ne era una che alcuni sostenevano essere l'originale canarino Lizard, non menzionato con il suo vero nome.
Un successivo accenno alle originicontinentali del Lizard è contenuto nel vecchissimo libro "The Bird fancier's necessary companion" datato 1762, che descrive chiaramente la razza ed accenna ad essa come "La bella specie coperta di scaglie...che pochi anni fa è stata introdotta dalla Francia, ma che è stata migliorata nel colore e nella bellezza dagli allevatori inglesi".
Le indicazioni di cui sopra ci aiutano a capire l'opinione diffusa che il Lizard fu introdotto in Inghilterra dai profughi Ugonotti.
Claude St.John, dopo aver accennato ai profughi Ugonotti, afferma che il Lizard fu introdotto in alcuni centri quali Nottingham, Middlesbrough, Norwich e Spitalfields nel XVI secolo.
Se è così, pare strano che un uccello così bello e unico sia sfuggito alle notizie di vari scrittori.
È quindi senz'altro difficile tentare di stabilire una data precisa circa la nascita del Lizard.
La persecuzione religiosa agli Ugonotti durante la seconda metà del XVI secolo (Massacro del giorno di S.Bartolomeo 1572) continuò per oltre un secolo, intensificandosi sotto Luigi XIV (editto di Nantes 1685) e gli Ugonotti nelle loro continue fughe portarono con sé i canarini preferiti; tuttavia non si può stabilire una data sicura.
 
Anche nel secolo XIX la storia del Lizard è nebulosa. Le società ornitologiche, seppure esistevano, non erano certo organizzate come oggi, quindi sono poche le tracce della loro attività.
Le mostre non avevano la funzione di oggi, ma erano null'altro che riunioni di pochi allevatori in qualche locale o stanza adibita allo scopo dal padrone di casa. Come scritto nelle poche note rinvenute, l'unica mostra di canarini riconosciuta fu, a metà del secolo XIX, quella del London Fancy, varietà estinta e strettamente collegata al Lizard.
Ciò è dimostrato chiaramente da un dettagliato articolo apparso il 12 dicembre 1846 su "The Illustrated London News".
Il Lizard stesso, secondo questo articolo, non era tenuto in gran considerazione, quantunque già possedesse una bellezza comparabile a quella del London.
Venticinque anni più tardi, a seguito del declino del London,il Lizard fu maggiormente apprezzato e fu allestita una mostra con le sue differenti varietà al Crystal Palace di Londra.
I principali centri di allevamento continuarono ad essere il Nottinghamshire e ancor più il Lancashire dove si raggiunsero picchi di assoluta perfezione.
Anteriormente alla prima guerra mondiale, il Lizard rimase una razza prettamente locale e ben poche mostre furono fatte fuori dalla Contee suindicate.
La prima guerra mondiale inferse un duro colpo a tutte le razze esistenti, ma ancor più al Lizard; a metà del periodo bellico, gli allevatori si contavano sulle dita di una mano, ma i pochi esemplari esistenti erano sempre esposti nelle migliori mostre.
La seconda guerra mondiale diede un altro duro colpo alla non comune razza che rischiò l'estinzione.
Nel 1945 fu costituita la "Lizard Canary Association" (L.C.A), fondata da Robert H.Yates di Wolverhampton, con l'obiettivo principale di salvare dall'estinzione i pochi esemplari rimasti.
Furono presi contatti con tutti gli allevatori conosciuti, per fare un censimento e si arrivò al seguente risultato: non esistevano più di 30 coppie di canarini tipici.
Si adottò una ferma politica per salvaguardare il prezioso patrimonio ed evitare speculazioni e fu chiesto ai pochi esperti allevatori di non cedere per due o tre anni i loro soggetti se non a membri della L.C.A.
Un gran contributo fu dato dall'editore di "Cage and aviary birds" che diede molto risalto all'opera degli allevatori.
Due anni dopo si poté iniziare la vendita dei soggetti. Il Lizard così comparve di nuovo alle mostre. I soci della L.C.A., dopo 5 anni, erano una cinquantina e crebbero di molto negli anni seguenti, estendendosi in tutte le Contee inglesi.
Oggi la razza è diffusa in tutto il mondo, anche se ancora rimangono misteriose le sue origini. Il Lizard è frutto di una ibridazione tra il canarino selvatico e una specie indigena (serinus pusillus ? sicalis flaveola ?) ?
Il Lizard è il risultato di più mutazioni avvenute in cattività ?    

FooterLCCI1000x130.png

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.


La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.


E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da Open Source Solutions.