Tish Benussi

In Memoria di Tish

"Ho sempre ascoltato quello che mi dicevano gli allevatori esperti... Da quand'ero ragazzo fino ad oggi non ho fatto altro che imparare tutto il tempo!" Tish Harnett

Pubblichiamo questo articolo tutti insieme...

"Ho ricevuto la triste notizia della morte, dopo lunga malattia, di Tish Harnett.

Tish non è noto quanto avrebbe meritato. L'ho conosciuto a metà degli anni 90, quando mi telefonò per sapere se avevo qualche soggetto da cedere. Non era un allevatore specializzato nei lizard, allevava più razze, ma aveva un debole per i nostri beniamini. Era intelligente, competente e sincero. Mi piacque subito. Poi, dopo esserci conosciuti personalmente al “National” , eravamo soliti fare lunghe chiacchierate al telefono; e che piacevoli erano queste conversazioni, soprattutto i suoi racconti sui suoi giri in continente. Mi raccontò che in Francia, in occasione di una sua conferenza sulle razze inglesi, aveva notato che mentre descriveva le caratteristiche del Lizard e l'importanza delle scaglie, un giovane seguiva con grande attenzione e annuiva con il capo. Alla fine della " lezione" se lo fece presentare . Tish, parlandomene ,mi disse di tenerlo d'occhio, perché sarebbe arrivato in alto : il nome del giovane è Vincent Coquet ! Tish può non essere stato famoso come espositore di alto livello, ma bisogna riconoscergli il ruolo di ambasciatore sul continente europeo. È stato segretario della IOA e ha contribuito a costruire le relazioni con gli appassionati europei che hanno spianato la strada per gli allevatori inglesi, come Stan Bolton, David Allen, Robert Bunting, Joe Coakley, Tony Horton, Lloyd le Page e come me , per competere sul piano internazionale. Come si è visto a Cesena, è il Lizard che ha beneficiato di più del suo buon lavoro." (Huw Evans)

"Temo che Tish sia stato più amato all'estero che in Inghilterra, come dice il motto latino ‘nemo propheta in patria’ ! Un tributo è stato dedicato anche su un sito tedesco :  http://www.dompfaff-koeln.de/ 

Ci vedemmo la prima volta nell'83 a Piacenza durante il campionato mondiale e scattò subito la simpatia. Era veramente un personaggio, con le braccia tatuate (uomo rana in Marina) e un'incredibile capigliatura con la permanente. Di primo acchito ebbi l'impressione di una persona intelligente, onesta, genuinamente interessato agli uccelli e totalmente disinteressato ai soldi, agli affari , al potere ( potere nel nostro mondo di allevatori? Tish si sarebbe messo a ridere, come faccio io!) e fortemente contrario a tutti i giochetti sporchi che lui definiva mafia (proprio in italiano). L'accordo tra noi fu immediato e, poiché il trattamento riservato ai giudici a Piacenza era totalmente insoddisfacente, io mi vergognavo come italiano dell'immagine negativa che davamo della nostra ospitalità, promisi a Tish che mi sarei dato da fare per procurargli un invito all'internazionale di Reggio Emilia, dove sapevo che i giudici venivano trattati (in quei tempi, nonoggi !) in maniera splendida. Così feci e lui arrivò in treno a Venezia (era francescano: nell'84 i voli erano costosi e non voleva pesare troppo sui costi della associazione!) , stette due giorni da me e poi andammo insieme a Reggio Emilia, dove ce la passammo bene sia a giudicare che al ristorante!

L'anno dopo mia figlia ed io andammo a trovarlo a Ramsgate, dove potei conoscere un altro lato della sua personalità: era assai impegnato nel dirigere il club giovanile (organizzava il tempo libero dei ragazzi, anche con vacanze all'estero) ed era generosamente aperto al sociale, dando soldi, per esempio, ai minatori in sciopero, che lottavano per la sopravvivenza contro la lady di ferro Margaret Thatcher.

( Un momento di pausa ,sono sopraffatto dall'emozione dei ricordi!) Questo era Tish, sempre pronto a dare una mano in maniera disinteressata. Mi fece visita più volte a Venezia e io più volte andai a Ramsgate, si rimase sempre in contatto con una continua corrispondenza (lettere ,era nemico delle email e del computer), fino a pochi giorni fa!" (Ernesto Benussi)

"Se tutti insieme noi amici vivessimo in un unico villaggio, magari sulle colline da qualche parte in Toscana, potremmo godere della nostra amicizia e del buon vino fino all'ultimo divertendoci insieme allegramente. E' triste essere dispersi ai quattro angoli della terra." (Antonio Petraroli)

 

Tish Benussi a Reggio

 

Tish 60 secs interview full

FooterLCCI1000x130.png

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.


La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.


E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da Open Source Solutions.